Lascia un commento

Quando il cuoco ha voglia di dolce: la torta tedesca al rum

Questa meraviglia di torta si chiama, nel solco della rigida logica teutonica, Rumkuchen. La torta al rum sta all’inverno come il Pastis all’estate: un volano di gioia! Possiede una ratio peso specifico/Joule bella alta, ma quando fuori nevica e fa freddo, il golosone di dolci non guarda in faccia le calorie. Anzi, fa spallucce e tira fuori dal frigo un panetto di burro e cinque uova, il tutto fischiettando e strofinandosile mani. Se poi possiede solo una stufa a legna per scaldare 90 mq, le calorie scendono dalla categoria lussuria a quella della necessità. Nel mio caso si tratta di sopravvivenza pura… e non c’è scusa migliore. Perché non rendere piacevole la vita monacale? Se i monaci sul monte Athos bevono il raki, noi possiamo ingozzarci di Rumkuchen. Inoltre è una scusa per accendere il forno, il che comporta un innalzamento della temperatura in cucina da 13 a 16 gradi.

Ma bando alle chiacciere. La ricetta l’ho presa da un libro tedesco uscito nel 1978 (ventesima edizione del 1990, non dovevo scrivere libri per bambini!), regalatomi da mia madre. Il Rumkuchen l’ho già eseguito più volte, apportando qualche piccolo cambio, ed è sempre riuscita.

Ingredienti (per una forma a cassetta):

180 g burro

200 g zucchero

5 uova

250 g farina 00

80 g di farina di mais

1 bustina di lievito in polvere (va bene vanigliato)

1 tazzina da caffé colma di rum

succo e scorza di un’arancia e di un limone

Ungete la forma con burro e spolverate di farina. Mi raccomando, fatelo con cura, altrimenti la torta attacca. Accendete il forno a 190° (se ventilato a 170°). Mentre si scalda, fate ammorbidire il burro tagliato a pezzettini in una forma capace. Aggiungete lo zucchero e sbattete fino a quando il tutto è diventato schiumoso. Aggiungete le uova singolarmente, incorporandole con la frusta. Mescolate le farine con il lievito e passatele al setaccio, sempre mescolando la pasta (non deve risultare troppo densa, ma rimanere leggermente liquida). Poi aggiungete a mano a mano il rum e il succo di arancia e di limone. Incorporate ora la scorza di arancia e di limone e versate la pasta nella forma a cassetta.

Mettete in forno sulla griglia posizionata abbastanza in basso e lasciate cuocere per 60 – 65 minuti.

Varianti:

Potete aggiungere uvetta, volendo anche mandorle tritate. Una volta cotta, estraete la torta dalla cassetta per lasciarla raffreddare. Qualche volta mia nonna metteva un po’ di succo di limone sulle fette già tagliate. Dipende dal gusto, provare vale la pena!

Annunci

Informazioni su georg maag

scrittore per l'infanzia, traduttore, lettore di tedesco per lettere&filosofia all'Università di Torino; hobby: cucina, fotografia, golf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: