Lascia un commento

Crema di erbette (biete da taglio)

Estate: tempo di grigliate. Chi ha un giardino offre ricetto agli amici, che volentieri lasciano i loro monolocali per buttarsi su un prato ad azzannare salsicce e costolette. La lotta libera con le zanzare è l’unico fio da pagare, misero sacrificio se lo si compara a una sana e onesta gozzoviglia.

Se prima della prossima grigliata riuscirete, anche solo per pochi istanti, a sgombrare la mente da carni di ogni tipo, ho la ricetta che fa per voi.

Si tratta di una rispettabile e gustosa alternativa alla bruschetta classica. Non ruba la scena alla salsiccia, ma è in grado di stupire positivamente anche i carnivori ossessivo compulsivi. Tra l’altro funziona molto bene come aperitivo nell’attesa che la carne cuocia. Con qualche bruschetta i convitati evitano di ubriacarsi perdutamente prima di cena e i grigliatori (a cui tocca accendere il fuoco, controllare le braci, esporsi a temperature infernali e molto altro) possono sostentarsi mentre portano avanti indefessi le loro incombenze.

La crema richiede pochi ingredienti: due mazzi di erbette (ovvero biete da taglio), pecorino, olio, sale, pepe.

Le erbette vanno cotte a vapore 2/3 minuti. Diversamente potete anche sbollentarle per 1 minuto. Sappiate che meno cuociono, più sono gustose. E poi basta frullarle con gli altri ingredienti, le cui dosi variano in base ai gusti di ciascuno.

Questa crema di erbette si presta molto bene a essere spalmata su fette di pane alla griglia, magari strofinate con un po’ d’aglio prima della cottura. Ma se le si dà fiducia può darvi grandi soddisfazioni anche in circostanze diverse. Se non ci si vuole allontanare dall’idea della bruschetta, si può abbinare la crema a dei crostini, meglio se fatti in padella con un po’ di burro. Non sono proprio dietetici, ma si vive una volta sola. Una volta l’ho usata per condire dei maltagliati fatti in casa e devo dire che aveva il suo perché.

Di sicuro ci sono altre possibilità per gustarla: esercitate la fantasia!

Advertisements

Informazioni su michela goi

dottoressa di ricerca in storia dell'arte, redattrice, guida turistica, aiuto cuoca per qualche mese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: